38 – Il Padrino (parte 3)

al pacino, il padrino, francis ford coppola, tatuaggio, recensione, mario puzo, nino rota

È tra i tre il più “vecchio” e il meno gangster, forse il più politico ma sicuramente il meno apprezzato.

Una delle cause è sicuramente il numero di personaggi leggermente minore, soprattutto di quelli carismatici (la mancanza di Vito Corleone interpretato da due grandissimi attori si sente eccome).

Personalmente non ho potuto che apprezzare questo terzo capitolo e ammirare ancora una volta le musiche di Nino Rota e quelle immagini impastate di giallo con le ombre accentuate sul volto.

Giudizio finale: mi tatuo la croce templare sul petto (sulla rosa).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...