E. 10. Lo Hobbit – La desolazione di Smaug

Segue da questo articolo

peter jackson, martin freeman, hobbit, desolazione di smaug, hobbit 2, recensione, tatuaggio

Vedere questo film fu come ricevere uno schiaffo (come quello che meritava la ragazza a fianco a me che è stata su Facebook tutto il tempo… ma questa è un’altra storia).

Inizialmente riuscii addirittura a farmelo piacere, ma più le immagini sbiadivano, più gli enormi difetti si facevano evidenti fino a trovarmi profondamente deluso dalle scelte di Peter Jackson.

Con l’uscita dell’edizione estesa la pecca Beorn si è leggermente ricucita, ma non è bastata a farmi cambiare idea.

Non mi è dispiaciuta la scelta di tre film piuttosto che due, ma tantissime delle scene riempitive si sono rivelate un vero affronto a Tolkien.

Insomma, un film tratto da un libro è sempre un compromesso ed è sempre la visione di un regista, ma questa più che visione mi è sembrata un attentato all’opera letteraria nonché una brutta macchia che rischia di contaminare l’ottimo lavoro fatto con Il Signore degli Anelli.

Conclude…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...