89 – Little miss sunshine

jonathan dayton, valerie faris, steve carell, bryan cranston, beth grant, premio oscar, little miss sunshine, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Quando un film riesce a ingranare la marcia con un inizio di quelli buoni, il resto della strada è in discesa.

Quando un film termina con un bel colpo di scena, molti dei difetti del mezzo si fanno meno cattivi.

Quando un film non sbaglia il ritmo, anche se fosse brutto, almeno non se ne ha l’occasione di rendersene conto!

Quando un film ha due cameo del genere, e a consigliartelo c’è Claudio Di Biagio, e quando è tutte queste cose insieme, l’unica cosa che resta da fare è guardarselo e goderselo!

Cine-tatuaggio: le impronte di due mani dietro la schiena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...