119 – Alì

alì, cassius clay, muhammad alì, michael mann, will smith, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

La declinazione cinematografica della lotta.

Il montaggio e la regia sono molto interessanti, soprattutto  nelle scene sul ring e quelle musicali.

Il doppiaggio mi ha un po’ distratto: Will Smith ha improvvisamente la voce di Pino Insegno (piuttosto che il solito Sandro Acerbo) e il giornalista ha quella di Mino Caprio, che è il doppiatore di Peter Griffin.

Cine-tatuaggio: il segno di una corda dietro la schiena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...