122 – Viale del tramonto

viale del tramonto, billy wilder, gloria swanson, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

La tecnica narrativa è di una freschezza tale che se non fosse per il bianco e nero che ne svela la vecchiaia non daresti alla pellicola i suoi sessantacinque anni!

Le vicende si rivelano più complesse i ciò che apparivano, la voce narrante accompagna nella storia senza risultare fuori luogo, le emozioni sono complesse e vengono fuori inaspettatamente.

Hollywood racconta se stessa e svela i propri ingranaggi, il suo mettersi a nudo, in contrasto al nascondersi del personaggio di Norma Desmond, crea un curioso contrasto che disarma lo spettatore.

Cine-tatuaggio: una sigaretta sull’indice sinistro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...