137 – Prima dell’alba

richard linklater, ethan hawke, julie delpy, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Il gioco del tempo, della vita, sembra affascinare Linklater a tal punto da riempire il suo cinema con pellicole che sono manifestazioni della sua immensa curiosità.

Da secoli gli artisti girano intorno ai soliti due o tre argomenti cercando di fare ognuno la differenza; tante volte il risultato è un qualcosa che si è in qualche modo allontanato dalla causa che lo ha ispirato.

L’effetto di questo film è una storia tanto semplice quanto reale fatta di parole che si incontrano e desiderano di far parte l’una dell’altra per creare nuove parole, frasi, racconti.

In una Vienna dormiente, prima dell’alba mostra un fiore che sboccia, e coinvolge dal primo all’ultimo momento riempendo il cuore.

Cine-tatuaggio: un frullatore sullo zigomo sinistro

Annunci

2 pensieri su “137 – Prima dell’alba

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...