147 – Prima del tramonto

richard linklater, ethan hawke, julie delpy, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Sembra strano considerarlo un film diverso dal precedente: il tempo della storia è praticamente uguale a quello del racconto, ancora più che in Prima dell’alba, e l’ascoltare dialoghi così naturali, percorrere le strade di Parigi conoscendo i personaggi allo stesso modo in cui l’uno conosce l’altro, dopo un lasso di tempo che per quanto minore rispetto a nove anni è comunque maggiore rispetto alla pausa tra primo e secondo tempo (dopo Boyhood non mi avrebbe sorpreso se Linklater avesse girato questo film in nove anni)…

Stando così le cose non posso che catapultarmi verso il terzo capitolo per poter esprimere un parere completo.

Cine-tatuaggio:  Una tour effeil sotto l’orologio a destra

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...