158 – Before midnight

before midnight, richard linklater, ethan hawke, julie delpy, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Si chiude il sipario su questa avventura durata 18 anni con un terzo capitolo intenso che ha su di sé il peso di mostrare Jesse e Celine dopo aver vissuto la storia cominciata definitivamente nel film precedente.

Tutto porterebbe a pensare che non ci saranno altri film, ma sono invaso dalla curiosità di vedere cosa potrebbe partorire Linklater.

In fin dei conti è come se nei suoi film si aprisse in maniera spontanea scrivendo un diario pubblico e facendolo recitare ad attori, a meno che nei prossimi anni non gli resti niente da raccontare, un quarto capitolo non sembrerebbe impossibile (anche se bisogna ammettere che sembra non ci siano più titoli disponibili).

Concludendo, credo che questa trilogia sia la migliore incarnazione di quello che il cinema ha da offrire a proposito dell’amore… o qualcosa del genere.

Cine-tatuaggio: il torsolo di una mela dietro le scapole.

Annunci

2 pensieri su “158 – Before midnight

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...