166 – La rosa purpurea del Cairo

la rosa purpurea del cairo, woody allen, mia farrow, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Con un meraviglioso tocco calviniano, La rosa purpurea del Cairo avvolge in quelle che sono le atmosfere del cinema classico attraverso un meta-cinema interno al film.

Le scene che si svolgono all’interno del cinematografo sono geniali, quasi mi aspettavo che a loro volta i personaggi nel “mondo reale” si girassero verso di me e uscissero dallo schermo.

Mi è piaciuto davvero tanto, eppure non riesco ad associarlo mentalmente a Woody Allen (soprattutto perché è il primo suo film che vedo in cui non compare come attore).

Cine-tatuaggio: una rosa sul braccio sinistro per metà bidimensionale in bianco e nero e che per metà sembra venir fuori, è a colori.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...