192 – Boxtrolls

boxtrolls, laika, stop motion, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Devo essere sincero, dopo Coraline avevo un’opinione tanto alta della Laika che non sono riuscito a godermi il film appieno: non ci sono confronti fra le due storie!

Non che sia sensato un simile paragone, né tantomeno la storia di Boxtrolls ha difetti effettivi… sono semplicemente su livelli differenti (il film in questione è molto più fanciullesco).

La sensazione che rimane è che tutto lo studio abbia concentrato le proprie energie per creare il film in animazione stop-motion più spettacolare mai realizzato, e personalmente affermerei senza alcun dubbio che ci sono riusciti: le scene d’azione mi hanno fatto crollare la mandibola.

Cine-tatuaggio😐 un uovo sulla pancia.

Annunci

172 – Frozen

anna, elsa, frozen, olaf, disney, recensione, tatuaggio

Finalmente un classico Disney moderno degno di questo nome: se è vero infatti che l’ancorarsi al passato ha più volte fatto vacillare gli studios, c’è da dire che negli ultimi periodi ha cercato di imitare piuttosto che di rinnovarsi, e anche se talvolta ha sfornato ottimi prodotti (Ralph Spaccatutto e Rapunzel ad esempio), non ha mai avuto il coraggio di tornare alle grandi storie, almeno pensavo così finché non ho visto questo film (e l’averlo fatto d’estate è stato ancora più bello!).

Per quanto meraviglioso tecnicamente (il divario con la PIXAR è stato finalmente colmato), credo sarebbe stato ancora più coraggioso ritornare all’animazione tradizionale.

A parte questo, l’unica cosa che realmente mi dispiace è che il film successivo (Big Hero 6) non abbia proseguito questa lunghezza d’onda muovendosi nuovamente verso l’emulazione.

Cine-tatuaggio: un fiocco di neve sul cuore.

152 – I Goonies

goonies, sean austin, steven spielberg, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Probabilmente sono vecchio dentro, ma non mi ha soddisfatto, e non so se il problema sia effettivamente averlo visto soltanto adesso o se sia nel film stesso!

Ammetto che le scenografie, le trappole e le invenzioni sono dosate male, e un bambino può andare facilmente in overdose di eccitazione, ma c’è da dire che tutto ha troppo poco senso!

Non voglio fare il guastafeste, ma questo tipo di film non credo combaci bene con il tipo di narrazione che utilizza: per i miei gusti ci sono troppi stereotipi, e i bambini immaginati come spettatori sono trattati come stupidi.

Cine-tatuaggio: un teschio sulla palpebra sinistra.

149 – The Lego movie

the lego movie, batman, phil lord, chris miller, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

A volte penso che da bambini si ha un qualcosa di speciale, un qualcosa che si perde senza rendersene conto crescendo… non saprei darle un nome, ma vedere questo film mi ha dato sensazioni che credevo di aver perso.

Più o meno a metà film pensavo a cosa scrivere nel cine-tatuaggio, era una specie di similitudine, di quelle che faccio spesso… ora mi rendo conto che se scrivessi quel pensiero farei uno spoiler non indifferente!

La trama volendo è la classica avventura, di quelle belle sia chiaro; l’animazione è sinonimo di spettacolo: un connubio tra 3D e stop motion…

Cine-tatuaggio: un blocco lego quadrato sulla nuca

144 – Laputa – Castello nel cielo

laputa castello nel cielo, hayao miyazaki, studio ghibli, recensione, tatuaggio, aspettaunmementoDopo mesi di assenza torno ad immergermi nell’universo ghibli e mi ritrovo a farlo con questa avventura spettacolare che non posso non considerare la migliore di quelle a cui finora ho assistito.

L’incredibile tecnica di narrazione che fonde temi sociali a elementi fantastici a disegni dettagliatissimi è supportata da una sceneggiatura mai come in questo caso solida e nello stesso tempo ricca di particolari.

Aggiungendo il fatto che adoro i viaggi di Gulliver il cerchio si chiude!

Cine-tatuaggio: Una gravipietra sul petto

140 – Kingsman – secret service

kingsman, mattew vaugh, colin firth, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Ha carattere da vendere, non ha paura di giocare rispettando le regole e regala un film di spionaggio moderno che fa la sua figura ma che al tempo stesso gioca col genere e non si prende troppo sul serio.

Mi ha divertito e appassionato con una comicità poco comune e con una trama che apparentemente dà l’impressione di essere più semplice di quella che è.

Non vedo l’ora di completare la saga 007 per poterlo confrontare con gli ultimi film di Bond.

Cine-tatuaggio: un fuoco d’artificio dietro l’orecchio destro.

138 – Avengers – Age of Ultron

avengers 2, age of ultron, Joss Whedon, vendicatori, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Un film coinvolgente al massimo capace – ancor di più del predecessore – di coadiuvare tutti gli elementi di cui è composto e muovere ogni personaggio in maniera perfetta riuscendo a intrigare e vincere il fattore Superman* con un villain di tutto rispetto e una minaccia che fa domandare seriamente il modo in cui è possibile sconfiggerla.

Consapevole del successo del famoso piano sequenza, Joss Whedon proietta nell’azione con uno nuovo e riesce a creare un ritmo che andrebbe insegnato nelle scuole di cinema (magari, potendo tornare indietro nel tempo, a tutti quelli che hanno provato a fare cine-comics credendo che tutto il segreto fosse negli effetti speciali).

Lo promuovo decisamente, questo è uno di quei block-buster moderni che meritano rispetto e riconoscimento (e mi è piaciuto molto di più di Guardians of Galaxy).

Cine-tatuaggio: una gemma sulla fronte.

Confessione da linciaggio: è il primo film della marvel studio che vedo al cinema!

*il problema di avere uno o più supereroi troppo potenti da poter creare un nemico temibile.

124 – Into the Wild

into the wild, christopher mcCandless, sean penn, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Da brivido.

Lascia senza fiato, fa venir voglia di lasciar tutto, entrare lì dentro.

Osservi, e mentre osservi riesci a sentire i profumi, senti il vento sulla pelle, il gelo sulla schiena e il calore del fuoco.

La semplicità disarmante di una scelta tanto coraggiosa, di una ricerca così sincera preparano allo shock finale: scopri che dietro quella bellezza c’è molto più di un film, c’è un’esperienza realmente vissuta.

Non sono mai stato più felice di questa mia abitudine di guardare i film conoscendo soltanto il titolo.

Cine-tatuaggio: una fiamma su questo tatuaggio

Ringrazio di cuore EdFelson per avermelo consigliato (nel lontano 17 luglio 2014 )