175 – Fargo

Fargo, ethan coen, joel coen, fratelli coen, steve buscemi, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Un film poliedrico e coinvolgente capace di spostarsi tra generi anche opposti senza risultare mai fuori luogo e riuscendo a sorprendere continuamente.

Le atmosfere ricreate grazie alle magnifiche location innevate sembrano far parte di qualcos’altro a sè stante, e che ciononostante si sposa perfettamente con tutto il resto!

Il mondo de il grande Lebowski degli stessi Coen sembra rispettare le stesse regole assurde, e nuovamente mi trovo nella condizione di voler spulciare una filmografia!

Cine-tatuaggio: la ferita di un proiettile preso di striscio sulla mascella a destra.

145 – Il grande Lebowski

il grande lebowski, jeff bridges, drugo, joel coen, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Molto insolito, molto riuscito.

A tratti ricorda Tarantino, forse – e soprattutto – per i personaggi molto atipici, primo fra tutti Drugo, a mio parere uno dei caratteri più interessanti del cinema.

La regia è spettacolare e dà il meglio di sé nelle scene “oniriche”, le ambientazioni sono assurde se si riflette sulla trama.

Non so voi ma dopo il film mi è venuta una strana voglia di giocare a bowling!

Cine-tatuaggio: Una palla da bowling sulla fronte a destra.

27 – Hesher

spencer susser, joseph gordon-levitt, natalie portman, piper laurie

Lo guardi e non sai che espressione assumere: provi a sorridere, ti stupisci, provi straniamento, sei emotivamente coinvolto (e se non sei proprio di pietra qualche lacrima ti scende!).

È tutto fluido e prosegue seguendo percorsi assurdi.

Credo che la caratterizzazione di Hesher sia tra le migliori che abbia visto!

Ringrazio EdFelson per la pazienza che ha avuto nel selezionare i film da consigliarmi, e lo ringrazio doppiamente per aver consigliato questo film!

Giudizio finale: mi tatuo un serpente attorno all’alluce sinistro.