E. 4. Ritorno al futuro (parte 3)

back to the future, michael j fox, steven spielberg, christopher lloyd, tatuaggio, recensione, aspettaunmemento

(clicca qui per leggere la parte 1)

(clicca qui per leggere la parte 2)

Se è vero che da un lato è quello con più falle, è anche vero che è ambientato nel West, e non si può non amare un film ambientato nel West che omaggia di continuo Sergio Leone!

Il resto dell’analisi continua così: elementi che potrebbero non piacere possono essere bilanciati da altrettanti elementi opposti, alla fine dei conti la mia bilancia verteva decisamente verso il film bello.

La citazione a Taxi Driver è sicuramente uno di quegli elementi che ha ha portato la bilancia verso l’esito finale.

Giudizio finale: mi tatuo una saetta che si sovrappone a questo tatuaggio

P.s. Vi propongo questo articolo che scrissi qualche tempo fa a proposito dei viaggi nel tempo

Annunci

31 – Il buono il brutto e il cattivo

sergio leone, ennio morricone, trilogia del dollaro, clint eastwood, lee van cleef, eli wallach

Prendete un appassionato di treni e fuochi d’artificio,  e fatelo sedere.

Prendete tre treni bellissimi e riempiteli di fuochi d’artificio.

Prendete tre binari e fateli incontrare nello stesso punto.

Fate scontrare i treni dopo una corsa a perdifiato e regalate così all’appassionato il più grande spettacolo mai visto.

Ora sostituite l’appassionato di treni e fuochi d’artificio con un appassionato di cinema e del mondo west e sostituite al treno carico Il buono il brutto e il cattivo.

Il risultato è lo stesso!

Giudizio finale: mi tatuo un cappio intorno alla falangetta del medio della mano destra (in memoria di Eli Wallach.)

21 – Per qualche dollaro in più

sergio leone, clint eastwood, lee van cleef, ennio morricone, trilogia del dollaro, tatuaggio

Credo che la seguente affermazione possa tranquillamente essere inserito nel dizionario dei luoghi comuni: la coppia Leone-Morricone è sempre vincente, e in questo film non è l’unica coppia funzionante… Il Monco e il colonnello Douglas Mortimer giocano a un tiro alla fune per l’intero film tenendo sempre la bandierina perfettamente al centro.

Se infatti ho trovato le battute meno memorabili del precedente film della trilogia, la caratterizzazione dei protagonisti, ma anche quella degli antagonisti, è così perfetta da lasciare lo spettatore più che soddisfatto.

Lo stesso discorso non vale per i combattimenti, decisamente più epici e colmi di tensione.

Giudizio finale: mi tatuo un orologio da taschino sul costato (sulla sinistra)

11 – Per un pugno di dollari

per un pugno di dollari clint eastwood sergio leone ennio morricone

I dialoghi di questo film, le battute ad effetto, il tocco di Leone in ogni inquadratura, le musiche.

Con che coraggio potrei parlare di tutto questo in poche righe senza neanche la pretesa di recensire?

E’ un tassello di un vecchio e assurdo mondo, rappresentato in centinaia di pellicole, ma poche valide come questa!

Giudizio finale: Mi tatuo un dollaro sul cuore.

1 – Django

 

django franco nero sergio corbucci

Ho seguito il suggerimento di Tarantino che col suo ultimo lavoro ha omaggiato questo film di Corbucci, ed è stata un’ottima scelta!

Un’ora e mezza di sparatorie e dialoghi, insomma uno spaghetti western come si deve!

Memorabili molte scene oltre che molte battute.

Mi è piaciuto tantissimo il personaggio e l’aura  di mistero che porta dietro (e non è l’unica cosa che si porta dietro).

Finale ottimo.

Consiglio la visione, soprattutto accoppiata a Django Unchained.

Giudizio finale: decido di tatuarmi una piccola cassa di morto sul dorso della mano destra.