96 – Contact

contact, jodie foster, robert zemeckis, recensione, tatuaggio, aspettaunmemento

Se ne può fare decisamente a meno, eppure vedendolo con predisposizione può far porre domande interessanti.

Se capita sottomano consiglio di vederlo interamente, ma senza particolari aspettative.

Dopo queste premesse così poco invitanti potrebbe sorprendere.

Cine-tatuaggio: una piccola costellazione nel palmo destro

E. 4. Ritorno al futuro (parte 3)

back to the future, michael j fox, steven spielberg, christopher lloyd, tatuaggio, recensione, aspettaunmemento

(clicca qui per leggere la parte 1)

(clicca qui per leggere la parte 2)

Se è vero che da un lato è quello con più falle, è anche vero che è ambientato nel West, e non si può non amare un film ambientato nel West che omaggia di continuo Sergio Leone!

Il resto dell’analisi continua così: elementi che potrebbero non piacere possono essere bilanciati da altrettanti elementi opposti, alla fine dei conti la mia bilancia verteva decisamente verso il film bello.

La citazione a Taxi Driver è sicuramente uno di quegli elementi che ha ha portato la bilancia verso l’esito finale.

Giudizio finale: mi tatuo una saetta che si sovrappone a questo tatuaggio

P.s. Vi propongo questo articolo che scrissi qualche tempo fa a proposito dei viaggi nel tempo

E. 3. Ritorno al futuro (parte 2)

back to the future, michael j fox, steven spielberg, christopher lloyd, tatuaggio, recensione, aspettaunmemento

(clicca qui per leggere la parte 1)

Il mio preferito dei tre: un gioco di intrecci temporali ben pensato e un equilibrio perfetto tra presente passato e futuro.

Come per il precedente (e per il successivo), un aspirante cinefilo ha aperto davanti a sé un vasto campo di citazioni, la mia preferita è sicuramente lo spezzone di Per un pugno di dollari (poi citato anche nel capitolo finale della trilogia).

La parte finale è particolarmente riuscita, la scena finale è epica.

Continua

E. 2. Ritorno al futuro

back to the future, michael j fox, steven spielberg, christopher lloyd, tatuaggio, recensione, aspettaunmemento

Il primo capitolo di una delle avventure cinematografiche più belle di sempre.

Un’opera minuziosa colma di citazioni più svariate e che scorre attraverso una spirale che ripropone gli stessi elementi in anni diversi.

Divertimento puro e sano intrattenimento con un ottimo retrogusto di cult.

Se sei uno di quelli che ancora non l’ha visto, fai in modo di avere a disposizione oltre che questo primo episodio, anche gli altri successivi… In caso contrario potrebbero esserci ripercussioni molto pericolose!

Continua